<< PROGETTI >>

PROGETTI 2013

“DARE VOCE A CHI NON HA VOCE” –  CONCORSO CORTOMETRAGGIO 2013

 

Diversamente abile o abile diversamente? 

Rompere il silenzio del pregiudizio!

Nel 2013, la Categoria Speciale del Sabaoth International Film Festival avrà il titolo:

“Diversamente abile o abile diversamente? Rompere il silenzio del pregiudizio”.

Guardate il promo al seguente link: http://www.youtube.com/watch?v=q7VfwsUZiRQ&feature=youtu.be

L’obiettivo è di portare alla luce i volti nascosti e le problematiche inerenti il mondo dei diversamente abili e raccontare le meravigliose storie di integrazione che speriamo conducano ciascuno di noi ad una domanda un po’ provocatoria: “e se il diverso fossi io?”

Il concorso sarà suddiviso in due sottocategorie:

1)      cortometraggi di 3 minuti massimo, con la possibilità di dialogo udibile, nel quale si narrano le vittorie e le sfide superate, sottolineando le varie abilità agite in modo diverso;

2)      cortometraggi di 3 minuti massimo, SENZA DIALOGO UDIBILE, nei quali si denunciano le ingiustizie, i pregiudizi e la violenza attuata contro chi è diversamente abile.

Per maggiori informazioni e per scaricare il bando andate alla pagina: DIVERSAMENTE ABILE O ABILE DIVERSAMENTE?

 

COMUNE DI MILANO

CONCORSO CORTOMETRAGGI “STOP ALLA VIOLENZA SULLE DONNE”

In seguito al successo del concorso di cortometraggi sul tema della violenza sulle donne, diretto ad allievi ed allieve delle Scuole Superiori e dei C.A.G. della Provincia di Milano, il concorso verrà continuato in diversi zone di Milano, con il patrocinio dei Consigli di zona. Il concorso sul tema della violenza domestica sarà esteso anche alle classi di terza media, e in alcune zone, verrà trattata in modo specifico la cyberviolenza, che colpisce non solo ragazze ma anche ragazzi.

Per maggiori informazioni, andate alla pagina CONCORSO CORTOMETRAGGI VIOLENZA

 

 

PROVINCIA DI MILANO

CONCORSO CORTOMETRAGGI “STOP ALLA VIOLENZA DI GENERE”

IMPORTANTE
– La scadenza della consegna dei cortometraggi è prorogata all’ 8 marzo   2013.

In seguito al successo del concorso di cortometraggi sul tema della violenza sulle donne, indetto da Sabaoth International Film Festival , il concorso verrà riproposto da S.I.F.F. nella provincia di Milano nel 2013.

La partecipazione al concorso è gratuita e aperta a tutti i giovani e le giovani che frequentano la scuola superiore o i centri giovani della Provincia di Milano. È aperta sia al singolo, che al gruppo, che alla classe.

Per maggiori informazioni, andate alla pagina CONCORSO CORTOMETRAGGI VIOLENZA

 


 

 PROGETTI 2012

 

PROGETTO SCUOLE SUPERIORI E C.A.G. DELLA PROVINCIA DI MILANO

CONCORSO CORTOMETRAGGIO “DIAMO VOCE A CHI NON HA VOCE”

 

In seguito alla Giornata Conclusiva del concorso (ma non del progetto), sul tema della violenza contro le donne rivolto alle ragazze e ai ragazzi dai 14 ai 20 anni di Scuole Superiori e C.A.G della Provincia di Milano, tenutasi ieri, 8 marzo, all’Istituto Cavalieri di
Milano, siamo lieti di annunciare le sei opere premiate ed i due cortometraggi che hanno ricevuto una menzione speciale.

In occasione del concorso sono pervenuti 32 cortometraggi.

Ringraziamo per la presenza e gli interventi  Cristina Stancari, Assessore alle Pari Opportunità e Politiche Giovanili e Marina Lazzati, Assessore all’Istruzione della Provincia di Milano, e Pierfrancesco Majorino, Assessore alle Politiche Sociali e Cultura
della Salute del Comune di Milano, Tonino Curagi e Anna Gorio, documentaristi e docenti di “Fondazione Milano Cinema e Televisione, Amazin Lethi, fondatrice di “Amazin Lethi Foundation” e, “per delega”, Marco Pozzi, regista di “Maledimiele” un film sul delicato tema dell’anoressia,prossimamente in uscita nelle sale italiane.

Un grande ringraziamento ai rappresentanti di ogni produzione che hanno così eloquentemente presentato la loro opera.

L’ottimo livello delle produzioni e l’evidente impegno di tutti i partecipanti ci ha convinti a non individuare tre vincitori, come inizialmente stabilito, ma di scegliere una rosa di 6 produzioni che venissero premiate a pari merito senza esprimere una
preferenza e ad assegnare ad alcuni corti, che si distanziano di pochi punti dai premiati, una menzione speciale.

La giuria era internazionale, composta di 12 membri (sia donne sia uomini), suddivisi fra esperti del mondo del cinema, psicologi, docenti, operatori del settore e persone attivamente impegnate sulla tematica.

I cortometraggi sono stati valutati in base ai seguenti criteri:

–  originalità del soggetto
–  efficacia del messaggio (quanto l’idea di base sia stata effettivamente sviluppata in modo efficace);
–  regia;
–  idoneità come promo di associazione

Ai 6 prescelti, la “Fondazione Milano Cinema e Televisione” http://www.fondazionemilano.eu/  ha generosamente offerto un totale di 6 posti ai corsi della loro “SUMMER SCHOOL” quindi ognuna delle sei produzioni sceglierà il partecipante più idoneo.

Siamo anche lieti di comunicarvi che l’associazione culturale “Enciclopedia delle Donne” che ha già pubblicato la notizia del concorso sul loro blog, pubblichato sul loro canale youtube i sei premiati e scrittoun post specifico sul blog. (http://specchiodelledame.blogspot.com/).  Postate la notizia sule  vostre pagine facebook!

Inoltre, i prescelti saranno assegnati ad Associazioni o Consultori che lavorano specificatamente sul tema della violenza di genere con i giovani.

I premiati a pari merito sono:

“ALZA LO SGUARDO”

EDOARDO CASTELLI / ELISABETTA PEZZATI
4H ARCHITTETURA – DOCENTI: PROF.GIULIA MINETTI
LICEO ARTISTICO UMBERTO BOCCIONI
PIAZZALE ARDUINO 4, MILANO

“BLACKBOARD” 

ALESSANDRO SAPI
C.A.G. MOVI
VIALE DELLA RESISTENZA,
VIMODRONE, MILANO

CLOSED”

CLASSE VH – DOCENTE: ELISABETTA FEDRIGO
LICEO ARTISTICO UMBERTO BOCCIONI
PIAZZALE ARDUINO 4, MILANO

“GIÙ LA MASCHERA”

RICCARDO D’AMORE
RESPONSABILE CAG: STEFANO AUGENTI
C.A.G. LABIRINTO,
VIA DON STURZO, 11, CERNUSCO S/N

“TU MI AMI”

SABRINA CINA – PRESIDENTE PROGETTO A
SUPERVISORE: CHIARA TOMASONI
C.A.G GORG,
PIAZZA GIOVANNI XXIII, GORGONZOLA

STOP VIOLENZA ALLE DONNE”

MAGDA REZENE
C.A.G PUNTO E VIRGOLA,
VIA NINO BIXIO 19, MILANO

L’altissimo livello delle opere pervenute ci ha spinti ad assegnare ad alcuni cortometraggi, che si distanziano di pochi punti dai film premiati, una menzione speciale.

Anche questi due cortometraggi saranno assegnati a delle Associazioni o Consultori che lavorano specificatamente sul tema della violenza di genere con i giovani.

I due cortometraggi sono:

ATTRAVERSO L’OCCHIO”

SELENE LUCIA BARATTINI/ SISSEL ROSE TAN/ JHOIA MARILAN DIMITUI/ MARIA CECILIA PINNA/ FEDERICA REBELLATO
DOCENTE:  PROF. GIULIA MINETTI – 4a SEZ H – ARCHITTETURA
LICEO ARTISTICO UMBERTO BOCCIONI
PIAZZALE ARDUINO 4, MILANO

“VIOLENZA SULLE DONNE”

DHAOUADI KOLUD/ DHAOUADI SIWAR/ EL
SERYO NOUR/VILLANI YARA/ LAPI GIANFRANCO
SUPERVISORE: LORENZA MONETA
SPAZIOGIOVANE,
VIA ETTORE PONTI 21, MILANO

Cogliamo l’occasione per sottolineare che per noi di   Diamo voce a chi non ha voce e Sabaoth Festival, (ma sappiamo che è il pensiero di chi era presente ieri da “esterno”), tutti i cortometraggi hanno vinto, perché ha vinto la voce all’unisono che si alza al di sopra del clamore dell’indifferenza.

Per questo motivo, come annunciato all’evento dell’8 marzo, organizzeremo diverse iniziative all’interno delle quali vorremmo
proiettare tutti i cortometraggi pervenuti e dare uno spazio più ampio a chi li ha realizzati per condividere le emozioni del percorso.

Ci teniamo a sottolineare che ciascuno dei gruppi che ha partecipato è riuscito a “dipingere” una sfaccettatura diversa, ma egualmente importante, del fenomeno della violenza.

Quindi….

BRAVE e BRAVI!

 

 

INCONTRO  CONCLUSIVO –  8 MARZO

scarica qui il programma

scarica qui la locandina

scarica qui la liberatoria minori


 

Con il patrocinio della Provincia di Milano, Sabaoth International Film Festival e l’Associazione Diamo voce a chi non
ha Voce, sono leiti di comunicare l’incontro conclusivo del CONCORSO SPECIALE PER CORTOMETRAGGI:

“Diamo voce alla Dignità delle Donne – Rompere il silenzio”

sul tema della violenza contro le donne, rivolto alle ragazze e ai ragazzi dai 14 ai 20 anni di scuole superiori e C.A.G. della provincia di Milano.

giovedì, 8marzo

ore 15:30-18

Sala Conferenze Istituto Cavalieri

Via Olona,14 – Milano

Informazioni sul progetto:

Diamo voce alla Dignità delle Donne – Rompere il silenzio

Durante la quarta edizione del Sabaoth International Film Festival (S.I.F.F.), che si è svolta a Milano dal 2 al 5 marzo 2011, è stato indetto un CONCORSO SPECIALE per i cortometraggi.

I tre cortometraggi vincitori sono stati premiati, assegnando la loro opera a tre associazioni operanti nel sociale.
Il Concorso, già Patrocinato dalla Provincia di Milano, ha riscosso molto successo e interesse e durante la giornata di lavori, sono emerse importanti riflessioni sulla prevenzione della violenza domestica.

Questo importante risultato ci ha spinti alla decisione di proporre il Concorso anche alle Scuole Superiori e ai Centri di Aggregazione Giovanile della provincia di Milano.

Sappiamo che gli adolescenti, nei loro primi approcci con il sesso opposto, iniziano a dover mettere in atto dinamiche di relazione uomo/donna che li accompagneranno per tutta la loro vita adulta.
Alcuni segnali, se captati in tempo, possono raccogliere una prima avvisaglia di disagio relazionale.
Lo strumento “cinema” diventa così un mediatore, oltre che uno stimolo, che può permettere ai giovani un approccio semplice nell’analisi delle varie sfumature contenute nel difficile tema della violenza domestica. Questa esplorazione potrebbe favorire anche l’emergere di reali problematiche già esistenti in alcune famiglie degli studenti stessi, facilitando la “rottura del silenzio”.
Il linguaggio cinematografico può inoltre divenire, per gli stessi insegnanti, un aiuto concreto e creativo per porre l’attenzione dei ragazzi di fronte a un tema di estrema attualità, far emergere la discussione sulla complessità delle relazioni che si instaurano tra uomo e donna, senza dimenticare l’importanza del rispetto, e della dignità, dell’essere umano.

La Provincia di Milano – Assessorati alle Pari Opportunità, Politiche giovanili e Istruzione – promuove il concorso cortometraggio “Diamo voce alla Dignità delle Donne – Rompere il silenzio” organizzato dall’Associazione Diamo voce a chi non ha Voce insieme al Sabaoth International Film Festival, rivolto alle ragazze e ai ragazzi dai 14 ai 20 anni.

Il concorso è stato presentato alla Sala Oberdan il 25 novembre 2011 ed i cortometraggi selezionati saranno proiettati l’8 marzo 2012 in una serata dedicata al tema visto attraverso lo sguardo giovanile.

È stato inoltre distribuito un questionario che ha lo scopo di raccogliere informazioni e riflessioni permettendoci in seguito di progettare eventi ed interventi mirati in modo specifico alle esigenze ed ai bisogni delle ragazze e dei ragazzi.

 

 

PROGETTO CORO SAN VITTORE

 

A seguito del progetto pilota sulla “condizione femminile” iniziato con un piccolo gruppo di detenute a novembre 2011 (dopo la proiezione del documentario SIN BY SILENCE) nella sezione femminile della casa circondariale di San Vittore, è nato il corso di canto corale con l’intento specifico di creare, attraverso il lavoro tecnico vocale, una solidarietà, un ascolto reciproco, un senso di appartenenza ed un senso di valore fra i partecipanti, unitamente ad uno “sfogo” vocale per le emozioni alle quali spesso non è possibile dare voce in quel contesto.

Saranno proposti canti popolari del mondo femminile e musiche di vario genere nella quale il testo ha un particolare significato.

 

PROGETTO PILOTA DETENUTE CARCERE DI SAN VITTORE

OBIETTIVO

Fornire strumenti per fortificare l’identità femminile ed accrescere la dignità delle detenute.

 

A seguito della proiezione del documentario SIN BY SILENCE a tutte le detenute di San Vittore in data 26 novembre 2011, si è costituito un gruppo di donne per fare insieme un percorso durante il quale si rifletterà e si lavorerà sull’identità femminile, la dignità e il significato di essere donna, utilizzando diversi strumenti quali:

Canti corali popolari sull’identità femminile;
scrittura auto-narrativa dei vissuti e lettura dei monologhi da parte delle altre (quindi un lavoro a “specchio”);
la visione di cortometraggi sul tema con successivo dibattito;
riflessione sulla cultura della violenza, sugli stereotipi maschili e femminili, sull’utilizzo delle immagini per rafforzare o attenuare questi stereotipi;
ricerca di un linguaggio comune del dialogo come necessità basilare nelle relazioni di genere.

Il gruppo sarà seguito da Liliana Oliveri, Presidente dell’associazione di promozione sociale “Diamo voce a chi non ha voce”, dallo psicologo Dott Perico e da un collaboratore del CIPM.

Il progetto sarà in seguito esteso alle sezioni femminili delle case circondariali della Regione Lombardia.